storia del Moto Club

storia del Moto Club

Quando un consistente numero di persone condivide un interesse forte, finisce inevitabilmente per creare un’associazione allo scopo di tutelare i comuni interessi, promuovere la pratica dell’attività collegate al proprio interesse o semplicemente per creare un’occasione di incontro per parlare del proprio hobby e scambiare esperienze con altri che le condividono. Le pagine che trovate pubblicate in questo sito sono parte della nostra comune storia motociclistica, niente di particolarmente importante da sconvolgere il mondo che ci circonda e soprattutto senza alcuna presunzione. Sono una sorta di diario dove aggiorniamo dei documenti e preserviamo le nostre memorie e quelle di motociclisti. La passione per le due ruote e per la buona compagnia sono da sempre stati il motore ed il lubrificante che ci ha spinto ad andare avanti e a cercare di migliorarci. Oggi racchiudiamo in un cofanetto virtuale di tutta la nostra storia. Storia fatta, come vi dicevo, di viaggi in genere, di moto, incontri, di amicizia e di gioia di vivere in sella alla nostra compagna moto.

Il moto club nasce nel 1999 dall’idea di un gruppo di persone unite tra loro da una profonda amicizia e dalla passione delle moto, ma soprattutto nasce per ricordare sempre con grande affetto due persone stupende a tutti molto care, due amici prematuramente scomparsi : Pino Cazzolato e Franco Licordari. Essi hanno permesso che il meraviglioso mondo delle moto entrasse nel cuore di tutti. Il moto club inizia a prendere forma sotto il nome di “AMICI” a loro dedicato, si forma l’associazione immediatamente affiliata alla FMI (Federazione Motociclistica Italiana) per regolamentare l’attività stessa del moto club, con tanto di statuto e figure direttive una struttura organizzata, precisa, indipendente, amichevole, fondata su sani principi, che lavora nel rispetto di tutti. Il club abbraccia per lo più il mototurismo senza però tralasciare le altre attività. Nell’immaginario collettivo delle persone, purtroppo il motociclista era ed è sempre visto come un pazzo della manopola del gas e invece con il nostro modo di promuovere l’ambiente motociclistico si è riusciti a far vedere le moto come un mondo completo un mondo che vede tanti modi di intendere la passione, c’è l’amante della sfida che si diletta nelle varie piste di velocità, c’è colui che passa l’intero inverno in un garage per restaurarsi la vecchia moto che a suo tempo era tanta desiderata, poi c’è colui che usa la moto come semplice mezzo di locomozione giornaliero, e infine si è visto che sono tanti coloro che la moto la vedono come un mezzo da utilizzare per un semplice uso turistico.

Nello stesso anno, 1999, organizziamo il 1° Motoraduno Interregionale città di Praia a Mare, il successo ci mette tanto entusiasmo e ci fa capire la grossa potenzialità che la nostra zona può offrire ai moto turisti. Il club era ormai una realtà riconosciuta sia localmente che oltre i confini regionali, un vero traguardo per un piccolo paese. Le manifestazioni erano accolte da un pubblico entusiasta, sempre pronto a partecipare a giri turistici, iniziative di beneficenza, lauti pranzi e tutto ciò che poteva rendere una giornata indimenticabile e ne era e lo è ancora oggi testimonianza il numero di inviti a partecipare a motoraduni e motogiri organizzati da altri moto club, a gite turistiche che hanno visto la partecipazione di molti soci accompagnati dalle proprie famiglie, e da gemellaggi fatti con moto club di altre regioni.

Negli anni successivi, nel moto club si vedono affluire nuovi soci anche da paesi vicini e si inserisce nelle manifestazioni organizzate dalle autorità locali, nasce così il primo Babbo Natale in moto una manifestazione a carattere sociale e morale promuovendo la solidarietà per i bambini orfani e meno agiati che risiedevano presso la casa delle Suore Sacro Cuore di Praia a Mare, portando loro tanti regali importanti come scarpe vestiti ma anche giocattoli libri e tantissimi dolci, donandogli un giorno pieno di gioia e felicità.

Dopo neanche un anno abbiamo il permesso della FMI per fare il grande salto in avanti organizzando il Motoraduno Nazionale città di Praia a Mare. Così cominciamo da subito a stravolgere il concetto di motoraduno, offrendo ai motociclisti e ai visitatori appassionati delle due ruote non solo la semplice iscrizione ma sempre più spettacoli motoristici, intrattenimenti musicali, gite in barca, giri turistici e culturali, e una grande e varia Fiera Expo.

Il club si afferma sempre più e diventa anche una parte integrante delle manifestazioni organizzate a Praia a Mare.

Di anno in anno i partecipanti sono sempre aumentati e a loro va un grazie di cuore da parte di tutti noi. Il sodalizio dalla sua nascita ha sempre spinto la conoscenza e la promozione della motocicletta con manifestazioni e gare. Nel 2006 il moto club è riuscito ad abbinare al suo 8° motoraduno Nazionale la decima prova del Trofeo Turistico Nazionale approvato dalla commissione mototurismo FMI, riscuotendo un grandissimo successo offrendo ai tantissimi spettatori un evento unico nel suo genere, dando la possibilità ai numerosi centauri di visitare le meraviglie paesaggistiche del posto. Nel 2008 il moto club ha raggiunto un altro obbiettivo quello di sostenere e organizzare la prima gara del campionato Regionale di Beach Cross riscuotendo anche questa volta un ottimo risultato. Nell’anno successivo in occasione dell’11° Motoraduno Nazionale il moto club grazie al successo avuto l’ anno precedente continua la sua organizzazione per la prova del campionato Regionale di Beach Cross “Riviera dei Cedri”, patrocinando, grazie all’aiuto di 5 qualificati istruttori FMI, un Corso di Guida Sicura di Motocross su sabbia, riservato ai ragazzi under 16 che volevano avvicinarsi a questa disciplina, e ospitando piloti proveniente da tutto il meridione per esibirsi in spettacolari evoluzioni su trampolini naturali creati sulla splendida spiaggia di fronte l’Isola di Dino  aggiudicandosi anche per questo anno un grande successo. E cosi negli 2010, 2011 e infine 2012 anno dopo anno il moto club ha realizzato manifestazioni nazionali offrendo ai suoi tantissimi ospiti provenienti da tutta Italia e anche dall’estero, spettacoli, intrattenimenti, musica, visite guidate in barca e in trenino e tanto tanto divertimento regalando un modo di vivere la passione a due ruote lontano dagli stereotipi dei centauri invasati dall’alta velocità a tutti i costi…….

Unitamente all’organizzazione delle manifestazioni turistiche il club si è dedicato alla passione agonistica seguendo, incoraggiando e aiutando nella sua meravigliosa e orgogliosa carriera Benito Tarantino,  Campione Italiano 2009 del Trofeo Kawasaki Ninja cat. 250 Junior Trophy, dopo aver dimostrato di essere uno dei piloti più promettenti in una stagione 2008 nel Campionato Italiano Mini Gp aggiudicandosi il titolo Tricolore in Cat. Open.

Bella storia………… Storia che continua e continuerà con gli avvenimenti in programma per le prossime stagioni, il nostro obbiettivo è stato e sarà sempre quello di trovare e conoscere altre persone con cui condividere le emozioni del mondo delle due ruote. Tutte le manifestazioni che porteremo avanti dovranno restare nel cuore della gente.

Quello che siamo riusciti ad organizzare lo troverete su questo sito e penso sia veramente tanto, per un moto club fatto di poche persone ma molto unite, e quello che veramente mi fa piacere è vedere la voglia di tutti gli  “ AMICI ” di venire a darci una mano per organizzare al meglio quello che vogliamo realizzare. Qui finisce il mio racconto, senz’altro mi sarò dimenticato di qualcuno o di qualcosa di importante, per cui mi scuso in anticipo e vi ringrazio per il tempo che ci avete dedicato e se volete essere informati sulle attività future consultate il nostro sito o inviateci un’e-mail.

 

 

Il presidente

La Gatta Pasquale